Villaggi turistici Hotel Campeggi Bed & Breakfast Residence Agriturismo

Articoli

Tropea: la storia

scaviLa storia di Tropea inizia in epoca romana quando lungo la costa Sesto Pompeo sconfisse Cesare Ottaviano. A sud di Tropea i Romani avevano costruito un porto commerciale, vicino S.Domenica, a Formicoli (cioè corruzione di Foro di Ercole), di cui parlano Plinio e Strabone.

Si vuole che il fondatore sia stato Ercole che, di ritorno dalla Spagna (Colonne d'Ercole), si fermò sulla Costa degli Dei e secondo questa leggenda, Tropea divenne uno dei Porti di Ercole.
Per la sua caratteristica posizione di terrazzo sul mare, Tropea ebbe un ruolo importante, sia in epoca romana sia sotto i Normanni e gli Aragonesi. Nelle zone limitrofe sono state invece rinvenute tombe di origine magno-greca.

Il promontorio di Tropea può essere considerato uno dei territori più ricchi in assoluto di ritrovamenti archeologici della preistoria (costituita da: Paleolitico, all’incirca da 1.000.000 di anni fa al 10.000 a.C.; Mesolitico, ca. 10.000-6.000 a.C.; Neolitico, ca. 6000-3700 a.C.; età del rame, ca. 3700-2300 a.C.) e della protostoria (suddivisa in: età del bronzo, ca. 2300-925 a.C.; prima età del ferro, ca. 925-725 a.C.).

Nei dintorni di Tropea gli scavi archeologici hanno attestato la presenza di stanziamenti umani di età neolitica in corrispondenza di terreni in cui la presenza di ossidiana e di selce è abbondante. L'uomo della civiltà delle grotticelle si fermò dietro il cimitero di Santa Domenica di ricadi a 1,5 Km da Tropea. La civiltà appenninica è nota sul promontorio di Monte poro; quella protovillananoviana, cremò i suoi morti ponendone i resti in inceneritori che oggi il piccone riporta alla luce. la prima civiltà del ferro (inizio sec X -IX) ebbe largo sviluppo sulla sovrastante località Torre Galli, che può essere considerata l'"antenato" di Tropea sulle colline che la sovrastono e che gli coprono le spalle, ove lasciò una grossa necropoli. Un contributo alla sua scoperta lo diede Paolo Orsi nel 1922 e vi fece due campagne di scavo, una in quell'anno e l'altra nell'anno seguente, raggiungendo risultati favolosi, ma non esaurì il vasto circuito della necropoli che attende ancora di essere maggiormente esplorata. Una breve campagna di scavi è stata condotta dalla Soprintendenza di Reggio Calabria. La civiltà di Torre galli è ricca di ceramica, di bronzi e monili e di draghe, tutti di grande interesse.

Nel centro di Tropea, in piazza Duomo, la stratografia rivelò la presenza continua dell'uomo in età del bronzo fino ai nostri tempi. Il IV secolo greco emerse anche alle spalle della Stazione ferroviaria di Tropea. Sotto l'attuale edificio e centrale della Telecom e nei suoi pressi, vi è una necropoli del I secolo, emersa, ma non esplorata, per difficoltà tecniche durante gli ultimi tentativi di scavi risalenti al 1980. Nel sottosuolo di Tropea il piccone ha posto in evidenza ache un cimitero paleocristiano. Nelle colline circostanti sono localizzabili sepolture in nicchie scavate nel masso roccioso in età tardoromana o altomedievale. Questo è quanto la ricerca di oggi mi ha permesso di scrivere. Ovviamente un approfondimento è sempre auspicabile. Mi auguro possa essere condotto presto, perché di queste cose e dell'enorme interesse che esse hanno, chi scrive si è a questo punto appassionato.

 

 



 

Le origini | L'età greca e romana | Il Cristianesimo | Il periodo Normanno-Svevo | Il periodo Angioino-Aragonese | Cinquecento | Seicento - Settecento | Il Risorgimento

Il seguente testo è tratto dal sito internet http://www.prolocotropea.eu

 

Le origini

Le più antiche testimonianze umane rinvenute nel territorio di Tropea risalgono al neolitico. Grazie agli scavi di inizio Novecento effettuati a seguito di un restauro nella Cattedrale e poi agli scavi degli anni Settanta della Soprintendenza archeologica della Calabria, sappiamo di uno stabile insediamento umano nell'area intorno alla chiesa che aveva invece una necropoli nei pressi della stazione ferroviaria.

Questo insediamento è collocabile tra l'età del Bronzo medio e la prima età del Ferro (XVI-IX secc. a.C.). I pithoi funerari, le incinerazioni proto-villanoviane e le inumazioni a fossa rilevate dal Foti testimoniano la continuità dell'insediamento attraverso i secoli. La necropoli proto-villanoviana scoperta invece nel 1962 nei pressi del vallone dell'Annunziata avrebbe, secondo la De Sensi, connotazioni Ausoni.

 

L'età greca e romana

Durante il periodo successivo Tropea fu forse frequentata dai Greci, Italici e Brettii, come del resto dimostrano le 21 tombe di IV sec. a.C. rinvenute in località Contura (nello strato superiore a quello della tomba a fossa della prima età del Ferro). Dando fede allo storico greco Tucidide infatti, sappiamo che i territori controllati dalle tre città greche di Ipponion, Medma e Lokri erano confinanti tra di essi, e quindi anche gli abitanti di questo territorio, compresi quelli dei dintorni di Tropea, entrarono a contatto con quella evoluta civiltà. Il nome stesso di Tropea potrebbe avere origine greca, forse a causa dell'erezione di tropaia (trofei) in punti ben in vista dal mare in onore di Zeus Tropaìos (il cui culto è attestato nei pressi di Ipponion). Nel III sec. a.C. i romani presero il posto dei greci sul territorio, iniziando a controllare l'Ager Vibonensis e, nel II sec. a.C., dalla colonia greca Ipponion fu dedotta la romana Valentia. Recenti studi hanno dimostrato che l'organizzazione dei romani e la loro capacità di sfruttare il territorio ha lasciato delle tracce anche nei pressi di Tropea: sul ricco giacimento di granito presente nell'area del famoso scoglio della Pizzuta sarebbe stata creata una cava e non è difficile, immergendosi nelle acque che bagnano lo scoglio, imbattersi in resti di colonne e frammenti di capitelli! Altre tracce della presenza romana nei pressi di Tropea sono rappresentate dalla villa con impianto termale che si trovava in località Crivo (Parghelia) o la necropoli in contrada San Pietro, vicino al confine con il torrente La Grazia, o ancora le aree produttive, come le fornaci attestate da Toraldo a nord di Ciaramiti, o infine il famoso Portus Herculis attestato da Strabone (Geografia, VI, 1, 5) e da Plinio (Storia naturale, III, 73) - forse nei pressi della spiaggia di Formicole o comunque tra Tropea e S. Maria -. Fatto sta che fino al V sec. d.C. Tropea e il suo ampio territorio rientrarono nell'orbita dell'influenza romana ed in questo periodo di dominazione si formò la tradizione secondo la quale il nome di Tropea sarebbe derivato dai tropaia, trofei, innalzati sul sito delle vittorie compiute da illustri personaggi della storia romana come Publio Cornelio Scipione L'Africano, Sesto Pompeo e perfino Ottaviano. Altre leggende legherebbero il nome di Tropea al Tropaìa, il vento che spira dal mare verso la terra, ed ancor oggi i marinai locali definiscono tropèe i vortici improvvisi che possono causare problemi durante la navigazione (il termine è riportato anche nel Dizionario dialettale della Calabria di Gerhard Rohlfs ).

 

Torna al menu

 

 

Il Cristianesimo

Tra il V e il VI sec. d.C. Tropea fu teatro di una rapida cristianizzazione, che ci viene testimoniata dal più vasto complesso cimiteriale paleocristiano scoperto nel Bruzio. La prima comparsa di Tropea su di un documento ufficiale è legato inoltre ad una lettera pontificia del 559 di papa Pelagio I. Tropea appare indicata infatti come Trapeiana massa dell'ager Vibonensis. Sempre da questa lettera pontificia si evince che i primi abitanti del luogo (Dulcitia e Clarentius) fossero servi agricoli di una chiesa calabrese (pare che Clarentius cercasse di elevare il suo rango a quello di curialis). Nel 591 furono segnalate da papa Gregorio Magno le ristrettezze economiche in cui versva il monastero di Sant'Arcangelo di Tropea (monasterium sancti Archangeli quod in Tropeis constitutum) al rettore del patrimonio bruzio della chiesa di Roma. Ma la precoce cristianizzazione del territorio circostante si evolse presto in diocesi e diede quindi vita al centro urbano di Tropea, concepito come civitas e non più massa. Nel 649 Tropea aveva il suo vescovo titolare e residenziale e ciò significa che era già munita delle fortificazioni necessarie per garantire protezione al presule (secondo le disposizioni di Gregorio Magno), edificate sull'originaria cinta muraria innalzata dal famoso generale bizantino Belisario (tra il 534 e il 536 o tra il 543 e il 548).

Sotto papa Martino I, nei primi decenni del VII sec. e quindi sotto il patriarcato di Roma, abbiamo infatti la segnalazione di un certo Giovanni, primo vescovo Tropèon (dei Tropeani). Pochi anni dopo, nel 680, il vescovo tropeano Teodoro partecipò addirittura al sinodo romano. Nel 732-733 le diocesi calabresi passarono alla sovranità imperiale del patriarcato di Costantinopoli (con la disposizione del basileus bizantino Leone III). Tropea si legò quindi non solo al mondo religioso bizantino (con l'adeguamento linguistico durante le liturgie) ma anche culturale, politico e amministrativo. Al II concilio di Nicea del 787 partecipò anche il vescovo Teodoro II di Tropea, e ciò testimonia la subordinazione della città al patriarca d'Oriente. Solo grazie al legame con Bisanzio inoltre, Tropea riuscì a scampare alla minaccia saracena, che nel IX secolo la mise in ginocchio assieme a Santa Severina ed Amantea. I Bizantini infatti mandarono il valoroso Niceforo Foca il Vecchio, che le riportò ai bizantini nell'885/6. Ma anche nel 946 e nel 985 Tropea venne presa di mira dai Saraceni, che quindi ne dovevano aver grande considerazione. Il legame alla chiesa d'Oriente andò via via indebolendosi lungo il secolo successivo, e se il vescovo greco Calociro era in carica ancora nel 1066, sappiamo che già nel 1067 la moglie di Roberto il Guiscardo Sikelgaita cercò rifugio nella città quando i soldati del cognato, il conte Ruggero, uccisero suo marito a Mileto. Questo dimostra che già in quel periodo esistevano legami tra i Normanni, fedeli alla chiesa d'Occidente e qualche nobile casata tropeana. In quello stesso periodo la tonnara in località Bordella presso Tropea, la chiesa di S. Maria dell'Isola e alcuni territori dei dintorni con le rispettive dieci famiglie che li coltivavano, furono donati da Sikelgaita all'abate Olderisio di Montecassino (e per quelle famiglie di fedeli di culto latino fu eretta nel territorio cassinese la chiesetta di S. Maria, proprio per questo motivo detta "de Latinis").

 

Torna al menu

 


Il periodo Normanno-Svevo

Tropea passò dunque agli Altavilla già sotto Ruggero il Granconte che, alla sua morte (1101), la passò al figlio Ruggero II (primo re di Sicilia). Ruggero II, dopo aver ricevuto il titolo di re da papa Anacleto, accordò al vescovo tropeano Tusteno i privilegi precedenti e la giurisdizione sui territori circostanti. Grande periodo fu quello per Tropea, se il vescovo Erveo, nel 1160, ebbe modo di dimostrare la sua fedeltà a Maione restituendo al sovrano 7000 tarì al posto delle 300 once d'oro che aveva ricevuto in precedenza in deposito. Di erede in erede, la dominazione dei Normanni servì ad obliterare le tracce del periodo Bizantino a Tropea. Il successore del vescovo Erveo, un certo Coridone, ebbe gran peso nella vita ecclesiastica calabrese e buoni rapporti col papa Alessandro III. Proprio sotto il suo lungo vescovato (1179-1194), in un periodo di transizione del potere dai Normanni agli Svevi, venne eretta la cattedrale. Sotto il vescovato di Riccardo (1199-1204) e di Radulfo (1204-1214) la città, divenuta contea, era governata da Anfuso de Roto. Questi divenne uno dei feudatari più ambiziosi e potenti della regione, rivelandosi senza scrupoli. Quando però uscì dalla scena, anche per Tropea si aprì un periodo di tranquillità e la città rimase apparentemente estranea agli eventi storici di maggior portata. Con l'editto di Capua del 1221 Tropea fu affidata a Ruggero Attavo, mentre la chiesa era retta dal vescovo Giovanni (1215-1237). Durante quest'età di trapasso un grande personaggio originario di Tropea, il conte di Catanzaro Pietro Ruffo di Calabria, fu provicario imperiale di Calabria e Sicilia. Ma quando nel 1255 anche la sua sorte volse al peggio ed egli tentò di rifugiarsi nella terra dei suoi avi, dove poteva contare sull'aiuto di suo nipote Giordano Ruffo stratigotus di Tropea, trovò l'opposizione di Riccardo di Frosina, partigiano di Manfredi ed eletto capitano del nascente comune di Tropea (unica tra le terre calabresi!).

 

Torna al menu

 

Il periodo Angioino-Aragonese

L'avvento degli Angioini era ormai inevitabile, e i Lancia, loro oppositori, dopo la battaglia di Benevento del 1266 vennero rinchiusi nel castello di Tropea assieme ai ribelli. I Ruffo di Tropea vennero invece perdonati da Carlo I d'Angiò, che li reintegrò nei loro domini e gli raccomandò di provvedere al castello, mentre le dogane, attracchi e controllo della città vennero affidati agli ufficiali credenceriis et gabellotis (che esigevano i dovuti crediti e le gabelle). Allora la città era tra le più grandi della Calabria centro-meridionale, con 5.508 abitanti (più grande di Reggio e Seminara e seconda solo a Nicotera e Monteleone). Tra la rivoluzione del Vespro (1282) e la pace di Anagni (1295) le sorti di Tropea furono altalenanti tra gli angioini e gli aragonesi. Certo questo periodo di trapasso che interessò tutta l'Italia meridionale servì ad incrementare i traffici e gli spostamenti, e proprio in questo periodo si sviluppò il commercio nella città tirrenica, inoltre furono impiantati i conventi delle clarisse a S. Chiara e dei frati minori nella chiesa di S. Pietro ad Ripas. Nemmeno nel periodo successivo alla pace di Caltabellotta del 1302, rivelatasi inutile a sedare le divisioni e ad evitare l'impoverimento della regione, Tropea riusciva a distinguersi nei traffici con i porti d'Oriente e d'Occidente grazie al vino dell'entroterra che partiva dal suo molo. Il re Roberto d'Angiò, si dimostrò comunque benevolo con Tropea. Quando concesse la città in feudo a Ugone di Boville, in seguito alla ribellione dei tropeani, sostenuti dal vescovo Riccardo Ruffo e dal metropolita Tommaso (arcivescovo di Reggio), revocò l'infeudazione e la città tornò ad essere demaniale (era il 20 Giugno del 1315). Nel 1337 inoltre, il re accordò ai funzionari locali di riscuotere un tributo per la costruzione di un nuovo porto. Alla morte del re successe al trono sua nipote Giovanna I (1343-1381), che doveva tenere in gran considerazione l'allora vescovo di Tropea Roberto dei Predicatori. La regina, dopo l'assassinio di suo marito Andrea, inviò infatti il vescovo tropeano in Ungheria a sollecitare il cognato Luigi I a proteggere lei e il nipote Carlo Martello. Nel frattempo il porto costruito sotto Roberto d'Angiò era cresciuto di importanza diventando uno tra i principali scali commerciali del Tirreno: i commercianti Ebrei di Sardegna avevano con intrattenevano spesso scambi con il porto tropeano (indicato ancora come Portum Herculis), mentre da ogni parte era richiesto il vino locale (secondo Federigo Melis da Maiorca, Barcellona, Valenza, Napoli e Bruges, inoltre verso Oriente a Creta, Pera Tana, Kaffa, in Romania e a Costantinopoli). Il porto aveva traffici così intensi (anche in Provenza e Inghilterra) che nel 1389 Giacomo Dardano, un canonico di Tropea, era nunzio e collettore delle decime in Inghilterra. Purtroppo però, il periodo del cosiddetto "grande scisma", che lacerava le gerarchie ecclesiastiche e gli appartenenti alla sfera del potere tra i fedeli al papa e all'antipapa, ebbe delle ripercussioni anche nella diocesi del Poro, dove la sede episcopale restò vacante e gli affari ordinari furono affidati dal vescovo di Tropea Pavone di Griffis (1390-1409) al vescovo di Mileto. In quegli anni Tropea, in cui era presente una folta comunità ebraica, fu addirittura messa in vendita da Ladislao di Durazzo su permesso del papa Bonifacio IX (il 10 Gennaio 1403), ma nessuno osò correre il rischio di provocare rivolte in un così importante porto del Tirreno, così la città rimase invenduta e mantenne la prerogativa di città demaniale. Il potere ecclesiastico subì un altro colpo quando alla morte del vescovo "a distanza" Pavone, la diocesi venne data in commenda al cardinale di Ragusa, ma dopo soli nove mesi questi rinunciò ad amministrarla. Il pontefice assegnò solo nel 1413 la carica di vescovo al giovane Nicola Acciapaccia (aveva soli 28 anni), ma anche costui non raggiunse mai la cattedrale tropeana. I venti anni del suo episcopato, in cui badò solo a concedere benefici ai chierici, si conclusero con la promozione ad arcivescovo di Capua (1435). Se da un lato quindi Tropea ebbe benefici sia da Carlo III che da Ladislao e da Giovanna II, la sua diocesi era d'altro canto nel caos e in balia degli approfittatori di turno. Nella lotta tra Angiò di Provenza e Durazzo le posizioni di Tropea e del suo vescovo furono ambigue e capaci di repentini cambi di sponda. Ma il disinteresse che in quegli anni caratterizzò le cariche ecclesiastiche nei confronti di Tropea - basti pensare che anche il successivo vescovo Giosuè lasciò vacante la sua sede, che venne affidata a Gotifredo Cozza di Lago (CS) - fu dovuto forse all'impoverimento e alla regressione demografica della città: nel 1443 soli 3.890 erano gli abitanti compresi tutti i casali. Come se non bastasse, a questo periodo buio della storia tropeana si aggiunse la piaga diffusa e incontrastata della delinquenza, che nel XV secolo mise in ginocchio i mercanti di tutta la regione (alla quale farà seguito il terremoto del 1459!). Nonostante l'arrivo nel 1443 di un console genovese nel "porto d'Ercole", per gestire le esportazioni di grano e vino, ed il provvedimento preso dal re di Napoli di rinnovare a Tropea ed ai casali i privilegi antichi per consentirne la ripresa, la città subì un altra umiliante perdita (sempre a causa del cattivo operato nel campo ecclesiastico). Un'ispezione del metropolita a Tropea nel 1450, portò all'accusa presso la Sede Apostolica del vescovo tropeano, e gli incarichi di accertare ciò che avveniva a Tropea vennero affidati cinque anni dopo ai vescovi di Nicotera e Mileto. Alla morte del re Alfonso il Magnanimo, il duca Giovanni d'Angiò contestò la successione dell'aragonese Ferrante. Tropea non cedette all'intimazione di innalzare bandiera angioina e quando Ferrante scese a sedare la rivolta in Calabria premiò la fedeltà di Tropea accordandogli tutti i suoi diritti nel 1459. Nel 1463 il papa Pio II proclamò vescovo il famoso umanista Pietro Balbo, che subito si contrappose al governatore regio della città Francesco Marrades. In occasione del Giubileo, il Balbo chiese al papa Sisto IV l'indulgenza per i pellegrini della Vergine di Romania custodita nella Cattedrale Tropeana (nel periodo tra Natale 1475 e la Pentecoste del 2 Giugno 1476). I pellegrini avrebbero dovuto donare un obolo per la Crociata e per la fabbrica della cattedrale. Alla sua morte, il Balbo venne sepolto in vaticano. Purtroppo, dopo questa bella parentesi, i due vescovi successivi furono poco presenti (come Giovanni Itro di Gaeta) o del tutto assenti (come Giuliano Mirto Frangipani) dalla diocesi. Questa assenza fu assai più negativa delle precedenti, poichè in quegli anni il Poro fu afflitto dalla peste e da sporadiche visite dei turchi invasori di passaggio. Il re Ferrante gravò maggiormente le spese addossate ai sudditi, emanando ordinanze che imponevano alle varie città di pagare la manutenzione delle postazioni marine. Ma Tropea, che subiva un incontenibile calo demografico, chiese al re di concedere a quanti volessero trasferirsi nella città i medesimi diritti dei residenti. Alla morte del re, Tropea scelse ancora, assieme a Scilla e Amantea, di difendere la parte aragonese (anche perchè i rivali francesi avevano tentato di eliminare la demanialità della città infeudandola al condottiero Precy). Questa scelta di fedeltà rimase incisa nel gonfalone della città: "[cum totum fere Regnum a regia fide defecisset] Sola Tropea sub fidelitate remansit".

Nel 1499 fu eletto vescovo Sigismondo Pappacoda, e quando il potere passò prima ai francesi, con il patto di Granada del 1500, e poi definitivamente agli spagnoli nel 1503, Tropea (riconosciuta come posizione strategicamente importante) chiese il riconoscimento di tutti i suoi diritti: di rimanere demaniale, di conservare i diritti commerciali del porto, la riserva delle prebende alla cattedrale, il diritto di inviare consoli nel regno e l'affidamento delle cariche di capitano e castellano ai forestieri. Inoltre fu chiesto di allontanare gli Ebrei dalla città, rei di causare l'impoverimento dei cittadini. Durante il periodo aragonese infine, il sistema delle fortificazioni e delle mura di Tropea si era arricchito, con le opere di restauro del castello, con l'erezione della torre cosiddetta "Mastra".

 

Torna al menu

 

 

La città aristocratica nel Cinquecento

Il cinquecento fu un periodo di grandi cambiamenti per Tropea. La città era allora divisa in quartieri, ricalcanti il suo assetto urbanistico: una strada principale correva lungo il centro, tagliando in due l'area quasi circolare dell'abitato e collegando la porta Vaticana (cioè che dava verso il Capo Vaticano) alla porta opposta situata dietro il Vescovato e detta di Mare (che permetteva un rapido raggiungimento, per mezzo di una scalinata, dell'area della Marina del Vescovado e attraverso questa all'area portuale nei pressi di Parghelia). La città era inoltre divisa (quasi a "fette") in quartieri basati sulle parrocchie: la zona che dal castello andava fino alla porta Vaticana (la meno popolosa), formava il quartiere S. Caterina; la più vasta e popolosa era la zona limitrofa che abbracciava dai palazzi affacciati sul mare a quelli interni sulla via principale, chiamata S. Giacomo (chiesa demolita); la zona che si affacciava di fronte allo scoglio S. Leonardo e quella vicina sino alla porta di Mare erano dette rispettivamente S. Nicola e S. Demetrio. Il cinquecento fu un secolo di crescita demografica per Tropea, nella quale confluirono famiglie nobiliari da ogni parte, per unirsi a quelle già presenti (e magari ereditarne i beni). Nonostante ci fosse un General parlamento in cui partecipavano le rappresentanze del ceto nobiliare e del popolo, pare che la componente gentilizia avesse la preminenza nelle assemblee. La vita politica locale riuscì a darsi una riorganizzazione e ad annullare (in teoria) la preponderanza dei nobili solo dopo la riforma amministrativa avvenuta a Cosenza nel 1565, e su modello di quella. Nel 1967 la maggioranza nelle assemblee poteva essere allora ottenuta solo coi due terzi dei votanti, formati da sei Eletti tra i nobili e sei Eletti tra il popolo (tra gli onorati di questo ceto non potevano comparire analfabeti o nati da unioni illegittime), anche i due giudici della corte Bagliva e i due sindaci dovevano essere uno per parte, mentre solo i due Mastrogiurati della Corte Capitaniale rimanevano esclusiva dei nobili. L'Università tropeana (la corporazione che amministrava la città), si occupò soprattutto di marginare il fenomeno dell'emigrazione, dovuto alle ingenti gabelle che i cittadini non riuscivano a sostenere. Ma il sistema adottato dell'apprezzo colpì soprattutto i nobili, con i loro grandi possedimenti. E mentre le gabelle colpivano i poveri, l'apprezzo costrinse alcuni nobili a ricorrere alla carriera ecclesiastica, che comportava l'esenzione delle imposte sui propri beni, altri a trasferire le proprie proprietà sotto il controllo meno opprimente dei casali confinanti (separatisi dalla città dominante proprio per avere propri esattori). I nobili riuscivano così a eludere l'imposizione di tasse ingenti da parte dell'Università tropeana, traendo comunque benefici dai proventi delle gabelle e dai loro terreni nei casali, nei quali edificarono alcune ville o "torri" per controllarli da vicino. Sotto il profilo culturale negli anni tra il vescovo Pappacoda e il suo successore, Monsignor Giovanni Boggio (1541-1559), che nacque a Tropea un'Accademia che in seguitò verrà identificata con l'Accademia degli Affaticati.

Accademia degli Affaticati (clicca per ingrandire)

E' sempre in quegli anni che operarono i due fratelli Pietro e Roberto Boiano che furono, a detta di Nicola Scrugli, "cerurgi sorprendenti per la mirabil arte d'innestare le labbra e i nasi mutilati". Questo fervore culturale fu alimentato anche dalla rinascita delle chiese tropeane, alle quali si aggiunse l'apertura di un Collegio della Compagnia di Gesù sul finire del secolo (che accoglierà nelle sue sale le riunioni dell'Accademia degli Affaticati). Grazie a Monsignor Tommaso Calvo, vescovo dal 1593 al 1613 ed al forte connubio tra famiglie nobiliari e clero, venne istituito il Monte di Pietà, fondato sulla donazione del patrizio Scipione Galluppi.

 

Torna al menu

 

 

Dalla crisi del Seicento alla municipalità del Settecento

Nonostante la ripresa del secolo precedente, anche Tropea risentì della crisi economica che nel '600 investì tutta la Calabria. I contadini abbandonarono i casali per sfuggire alle tasse, provocando un nuovo calo demografico. E' ovvio che la produzione locale di vino iniziò a risentire il peso del clima che si era creato. Le uniche produzioni locali a resistere furono quelle di seta (ma di bassa qualità rispetto al passato), di olio e di sacchi di fronda. Per fortuna, l'Università tropeana era ormai matura per contrastare le avversità che a quelle di carattere economico si vennero ad aggiungere anche sul piano poitico. Più volte infatti (nel 1612, 1620, 1637 e 1643) Tropea e i suoi casali rischiarono di essere infeudati, essendo stati messi in vendita dal vicerè per recuperare fondi sulle rendite statali, ed in tutte quelle occasioni Tropea riuscì a mantenere i propri diritti demaniali. Questa compattezza dimostrata all'esterno non esisteva invece nella politica interna di Tropea, dove - a causa dei vari poteri sovrapposti - ai conflitti tra potere locale e potere regio si aggiunsero anche i conflitti tra potere ecclesiastico e potere politico e, all'interno di quest'ultimo, tra aristocrazia nobiliare e borghesia emergente: nel 1613 il Regio Capitano interruppe con gente in armi una cerimonia religiosa in cui il Decano stesso subì un'archibugiata; nel 1624, dopo insostenibili periodi di tensione sfociati in episodi di violenza, il seggio della nobiltà si separò nuovamente dal seggio del popolo, superando di fatto le decisioni prese nei Capitoli del 1567. La crisi fu completa quando, nel 1647-48 (sulla scia del moto napoletano di Masaniello) partì un moto rivoluzionario ad opera del marinaio di Parghelia Leonardo Drago. Ovviamente l'iniziativa, che trovò molti sostenitori anche negli altri casali, fu sedata su intervento del Vicario generale D. Francesco Carafa inviato dal Vicerè. Tra il 1674 e il 1678, durante la Guerra di Messina, i francesi istituirono a Tropea una Prefettura, composta da un Capitano con 12 commilitoni, per presidiare la piazzaforte tropeana e difendere la costa da possibili attacchi spagnoli. I Patrizi si erano intanto dati una nuova sede per il loro seggio, erigendo un Sedile chiamato di Port'Ercole, in onore del mitico fondatore della città. Anche gli Onorati tentarono di ergere una loro sede, che doveva chiamarsi Sedile Africano sull'antico edificio della Corte baiulare, ma quest'opera non fu mai realizzata. La tranquillità di Tropea fu però minata nuovamente dall'interno nel 1722, con dei moti interni guidati da Orazio Falduti, un subalterno del Tribunale Provinciale appartenente al ceto medio. Questo avvenne perchè in quel periodo l'Imperatore Carlo VI d'Austria donò trecentomila ducati alle Università del Regno e tra i casali si sparse la voce che un'ordinanza della Sommaria del 1720 escudeva da tali benefici coloro che campavano alla giornata. Partì una rivolta da Spilinga e si concluse con una petizione presentata da tutti i casali. I casali pretendevano di potersi rappresentare da sé, pagando i tributi direttamente al tesoriere della Regia Camera, ed inoltre di non dover più ricevere le "visite" dei soldati tedeschi. Poichè la nobiltà si rifiutava di ascoltare le richieste dei villani, questi posero d'assedio Tropea, svuotando i mulini e lasciando le fontane all'asciutto. Il Preside di Calabria Ultra chiese aiuto al Vicerè, che inviò il generale Vallis con due galere cariche di tedeschi a Tropea. Quando questi arrivò in città la rivolta era ormai terminata e quindi si limitò a punire alcuni responsabili (due furono impiccati alla marina e uno, troppo giovane, venne imprigionato). Il Vallis si meravigliò della situazione trovata, poichè un sistema di controllo così ampio non era presente in nessuna altra parte del regno e applicò provvedimenti duri proprio contro i nobili, che dovevano d'ora in poi esercitare gli antichi diritti, meritati dai loro padri col sudore, non da padroni ma da padri; oltre ai nobili ed ai civili anche la plebe veniva ammessa al governo dell'Univeristas con due propri rappresentanti. Le conseguenze della rivolta si ripercossero sulla già disastrata economia della città. Nel 1764 un carestia portò il Parlamento tropeano ad obbligare i nove maggiori benestanti di Tropea a contrarre un debito di ingenti somme da privati e luoghi pii per salvare dalla fame il popolo. Questi personaggi riuscirono a far superare la crisi nera e la fame ai tropeani, ma patirono a lungo le conseguenze di quell'indebitamento (i patrizi erano F. di Francia, M. Barone, D. Pelliccia, F. D'Aquino e F. Fazzari; i civili erano D. Massara, A. Cutuli, G. Antonio Campesi e A. Arena). La presenza di borghesi tra i nove più ricchi della città non deve destar stupore, nel secondo ceto infatti erano ormai presenti avvocati e dottori, notai e professionisti. Nel General Catasto di Tropea degli anni Sessanta del Settecento primeggiavano anche sui nobili due borghesi. Non solo, la carriera ecclesiastica veniva intrapresa sempre più da uomini non appartenenti alle famiglie nobili. Proprio per la massiccia presenza di borghesi tra il clero, che non risparmiavano le proprie invettive ai nobili, si arrivò ad un nuovo scontro con la vertenza agitata nella Real Camera di S. Chiara tra il 1782 e il 1794, in cui i nobili pretendevano di poter avere trattamenti simili ai canonici durante i pontificali. Le famiglie borghesi d'altronde, anche quelle dei paesi vicini (come i Massara a Zaccanopoli o i Meligrana a Parghelia) si stavano arricchendo anche reinvestendo i patrimoni accumulati nell'acquisto di terre. Si crearono inoltre delle dipendenze, simili a rapporti di servitù, tra questi due ceti e la gente del popolo minuto che, per esercitare il proprio mestiere o per aver dimora, doveva prendere in affitto i bassi e i magazzini dei palazzi delle famiglie nobili e borghesi. Sul finire del secolo, grazie anche alla crescita del ceto borghese, molti furono i giovani studenti tropeani che si recavano a Napoli per accrescere la propria cultura. Tra questi giovani studenti vi erano anche Giuseppe Melograni grande geologo e mineralista, Antonio Meligrana futuro Vicario Generale della Diocesi di Tropea nei primi anni dell'Ottocento, ed il suo amico Pasquale Galluppi con il quale Meligrana condivise un appartamento in affitto nella capitale e che si distinguerà su tutti i personaggi illustri di Tropea per l'importanza dei suoi studi filosofici. Il Galluppi fu allievo alla scuola privata fondata a Tropea da Giuseppe La Ruffa, studioso formatosi nel ricostituito Seminario tropeano assieme al futuro abate Antonio Jerocades e al futuro Decano Saverio Polito. Fu in quell'ambiente aperto agli influssi culturali provenienti da ogni parte d'Europa che nel comprensorio di Tropea mise radici il movimento massonico. La Massoneria penetrò a tal punto che Massoni o Filomassoni furono ritenuti addirittura alcuni vescovi di Tropea. Lo sconvolgimento culturale di fine secolo fu accompagnato da altri due sconvolgimenti, si tratta del terremoto del 1783 e la proclamazione della municipalità nel 1799. Paradossalmente, l'evento politico "scosse" i patrizi più dell'evento naturale! Anche se per qualche tempo i nobili riuscirono a ristabilire l'antico regime, l'avanzata delle nuove idee era ormai irrversibile anche per Tropea.

 

Torna al menu

 

 

Il Risorgimento

Il XIX secolo si aprì con la definitiva chiusura di un'istituzione secolare: nel 1800 il Sedile dei Nobili di Portercole venne abolito, ed anche il Tribunale Conservatore della Nobiltà del Regno riconobbe questa chiusura nel 1803. Con l'inizio del decennio francese il Sedile divenne nel 1806 il luogo di riunione per l'amministrazione cittadina, sede di governo nel distretto di Monteleone. Nell'anno seguente venne riconosciuto a Tropea il diritto di controllare i comuni del circondario (Alafito, Arzona, Barbalaconi, Brivadi, Carciadi, Caria, Ciaramiti, Drapia, Garavadi, Mesiano, Moladi, Orsigliadi, Pernocari, Persinaci, Pizzoni, Ricadi, Rombiolo, Scaliti, Spilinga, Zaccanopoli, Zungri); nel 1809 venne indicata tra i luoghi dove stabilire i burò di controllo delle direzioni doganali e sede di sindacato per la gente di mare; nel 1810 servì come punto strategico per le seicento navi utilizzate da Gioacchino Muràt nel tentativo (fallito) di conquistare la Sicilia e nel 1811 fu confermata capoluogo. Pare che quando Muràt passò per Tropea gli venissero offerte dal sindaco Ignazio Scrugli le chiavi della città, ma egli (pur ringraziando per la calorosa accoglienza) le rifiutò, forse a causa delle precedenti manifestazioni antifrancesi nate in seno ad una riunione di una vendita carbonara presieduta da un furiere. Il Concordato del 1818, col riordino dello status della Chiesa, decretava che il vescovo Greardo Gregorio Mele non avrebbe avuto dei successori nella diocesi di Tropea, che veniva così accorpata a quella di Nicotera. Eppure dopo il Concordato la chiesa tropeana trovò vitalità grazie alla presenza di Vito Michele Di Netta (Vallata 1787 - Tropea 1849), padre superiore dei Redentoristi di S. Alfonso de' Liguori giunti a Tropea dal 1790 per evangelizzare l'intero territorio. Secondo L'Osservatore Romano Padre Di Netta svolse con "eroica virtù" il proprio compito, in quel periodo di profondo cambiamento, ed oggi è in corso il processo per sua la beatificazione. Il suo operato, rivolto alle anime, fu completato in quegli anni dal vescovo di Sinope Luigi Vaccari, coadiutore del vescovo di Nicotera-Tropea che dal '72 si ritirò ad Acri per malattia: il Vaccari avviò importanti lavori per la Cattedrale, incoronò il quadro della Madonna di Romania, si occupò del Seminario e fondò un Asilo Infantile. Per ciò che riguarda le vicende politiche di quegli anni, esse sono meglio comprensibili grazie all'operato di Pasquale Galluppi, che oltre ai trattati filosofici si occupò anche di politica del Mezzogiorno. Ad ogni modo, in questo secolo la città di Tropea raggiunse nuovamente, tra altalenanti variazioni, delle dimensioni consistenti (che dai 4.277 abitanti di inizio secolo la portarono a oltre 5.000 abitanti di fine secolo, sfiorando più volte addirittura le seimila unità). A questa nuova rinascita si accompagnò una crescente presenza di laboratori artigiani e piccole fabbriche per la lavorazione del cotone e del cuoio. Con l'unità d'Italia si diede risposta anche alla necessità di collegamenti che la città aveva e, tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, vennero realizzate strade e rotaie che permisero a Tropea di non rimanere isolata. Dopo il terremoto del 1905 venne affrontato anche il problema della costruzione di un porto nella zona marina e delle strade che lo collegassero con il centro e la stazione ferroviaria (i lavori vennero avviati negli anni seguenti). Alle opere pubbliche, purtroppo, si accompagnò anche la triste demolizione del castello. Tra le figure politiche di spicco dell'Ottocento ci furono i sindaci Carlo Gabrielli (che si occupò dell'organizzazione amministrativa), Ignazio Toraldo e Nicola Scrugli (sotto l'amministrazione dei quali sorse l'Asilo Infantile e venne cambiata la toponomastica della città), e infine Napoleone Scrugli (che oltre a ricoprire la carica di sindaco fu vice ammiraglio dello Stato maggiore della Real Marina ed il primo cittadino tropeano ad esser eletto deputato). Proprio grazie a Napoleone Scrugli la flotta Borbonica passò intatta al Regno d'Italia: egli infatti, quando Garibaldi giunse a Napoli, provocando la fuga a Gaeta di Francesco II, suggerì di sostituire la bandiera borbonica col tricolore!

 

Torna al menu

 

Joomla templates by Joomlashine