HomeTropea
                                  
Villaggi turistici Hotel Campeggi Bed & Breakfast Residence Agriturismo

Tropea

home-imgTropea, stupenda cittadina calabrese in provincia di Vibo Valentia, perla incontrastata del turismo della Regione, sorge a metà strada tra Nicotera e Pizzo Calabro, le due cittadine che delimitano la "Costa degli Dei" o "Costa Bella".

 

Perla incontrastata del turismo calabrese, la sua storia sembra emergere dal buio dei millenni. C’è chi la vuole fondata da Scipione l’Africano, di ritorno a Roma dopo la vittoria su Cartagine; c’è chi le dà origini assai più remote, chiamando in causa Ausoni, Brezii Aprustini, Enotri, Osci, persino Ercole, il semidio. Secondo la mitologia, quest’ultimo, di ritorno dalla Spagna, sosta in questo giardino e dà la nascita ad una città alla quale legare il proprio nome. Il cuore della città è Piazza Ercole, da “Portus Herculis”, così chiamata nell’antichità. Per mezzo secolo soggiacque al domonio dei Saraceni, ai quali la strappò con la guerra Niceforo Foca. Nel periodo normanno e poi in quello aragonese, Tropea acquistò un ruolo di primaria importanza nell’attività marinara. Importante porto commerciale, subì varieincursioni turchesche.
Delle varie epoche storiche, Tropea conserva consistenti tracce nel suo centro storico, uno dei più caratteristici della Calabria. E’ il comune più piccolo per estensione del Vibonese, al centro tra i golfi di Gioia e di S. Eufemia, che per la sua bellezza paesaggistica e urbanistica è meta di decine di migliaia di visitatori, provenienti da ogni parte del mondo, i quali si soffermano ad ammirare le severe dimore nobiliari, i decorosi palazzetti (sec. XVI-XVII) dai grandi portali in granito o pietra tufacea e balconi in ferro battuto. Tropea è un centro balneare fra i più celebri è può meritare il titolo di “capitale delle vacanze”, perché il suo mare, le sue bianche spiagge, attrezzate con stabilimenti balneari, villaggi turistici e ricettività alberghiera, possono competere degnamente con quelle delle più rinomate stazioni turistiche.
Un alto scoglio legato alla terraferma, Santa Maria dell’Isola, è visibile nel suo splendore da una terrazza in Corso Vittorio Emanuele, che da quaranta metri domina la costa. Questo Santuario, un tempo monastero benedettino, insieme alla Cattedrale normanna dedicata all’Assunta, ricostruita nel 1163, alla Chiesa di San Francesco D’Assisi del XIII secolo, ricostruita nei Seicento, alla Chiesa quattrocentesca dell’Annunziata, a quella dei Liguorini, del Rosario, del Carmine, di San Francesco di Paola, edificata
nel 1543, hanno conservato qualcosa dei caratteri architettonici d’origine e soprattutto conservano all’interno numerosissime opere d’arte.Via Boiano è la più suggestiva delle strade della città vecchia, lungo la quale troviamo Villa Braghò, una delle tante dimore patrizie; affianco ad essa citiamo il Palazzo Toraldo di Francia, eretto sul sito dell’antico castello, che conserva un prezioso archivio ed una raccolta privata di epigrafi cristiane del IV-V secolo, consultabile su richiesta.
Qui nacque Pasquale Galluppi (1770-1846), uno dei più grandi pensatori della Calabria.

From Address:
Powered by Phoca Maps
Joomla templates by Joomlashine